IL MISTERO DELLA PIETRA AZZURRA

Nadia & La Realtà!
- Parte 1 -


Prima Parte

Introduzione - Cos'è Atlantide? - I 3 regni di Atlantide e il fattore DNA - La città natale di Nadia: Thartesos
La madre di Nadia - La scrittura di Atlantide
La NeoAtlantide - Note geografiche

Vai alla parte 1 - 2 - 3 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12
Torna all'indice della sezione


Introduzione: (by Don Marco)
All'uscita di Nadia, anni e anni fa, non c'era ancora la mania di scoprire tutti i segreti piu strani nascosti in un'anime... come invece e' capitato con Eva. Eppure anche "Il mistero della pietra azzurra" e' ricco di particolari.

E' importante ricordare che le informazioni che trovate qui sono, dove non diversamente specificato, ufficiali e riconosciute dagli archeologi.

Iniziamo con una piccola premessa...

 

Cos'e' Atlantide?

Ma perchè Argo non cercava questa di pietra, visto che è più grande? ^___^

Atlantide e' un 'mitico' continente perduto. Ci viene descritto da Platone nel 400 a.c. in due dialoghi, il Timeo e il Crizia. Viene descritto come un'enorme isola posta al di la delle Colonne D'Ercole, tanto grande che si poteva, attaversandola "passare da un continente alle rive di quello opposto" (Dall'Europa all'America per intenderci). Isola che, corrotta dalla sua malvagita' sprofondò per volere divino negli abissi in un giorno e una notte. Secondo molti ciò avvenne 11.000 anni fa.

Per gli studiosi contemporanei si considera 'Atlantide' una possibile civilta' scomparsa che aveva raggiunto un alto livello di benessere e di ricchezza.

 

Ecco ora la simbologia in Nadia e i vari collegamenti con le varie scoperte/supposizioni fatte da archeologi ecc.. su Atlantide:

I 3 regni di Atlantide ed il fattore DNA
E' interessante notare come la "Storia delle Sette Isole del Mar d'Occidente" degli Eleusini Madre, una tradizione esoterica arcaico-erudita, nonostante non sia per nulla verificabile, divida l'esistenza di Atlantide in due blocchi storici principali:

Secondo gli Eleusini, gli antichi progenitori di Atlantide sarebbero provenienti da un pianeta del sistema stellare Tau Ceti, il cui nome è Phikkesh Tau, che intorno al centosedicesimo millennio a.C., avrebbero scoperto il volo spaziale ed iniziato l'esplorazione del Cosmo, ed intorno al 92000 una spedizione di Phikkesh Tau penetra nel sistema solare e ne colonizza alcuni pianeti, tra cui la Terra. Manipolando geneticamente una scimmia e attraverso una fusione del suo DNA con quello extraterrestre, i coloni crearono l'homo sapiens che avrebbe popolato in seguito l'intero pianeta. (tratto da un articolo di Salvatore Poma, che ringrazio immensamente. Grazie anche a Fiorella per la segnalazione)

Beh? Non vi ricorda qualcosa? I tre regni di Atlantide...Il DNA manipolato per la creazione degli esseri umani da parte di esseri atlantidei venuti dallo spazio...?

La citta' natale di Nadia: Tartesos/Tartesis/Tartesso.

Nella serie viene chiamata in questi 3 modi, la traduzione italiana del nome della citta e' Tartesso, le altre due non si sa da dove derivino. Comunque la si voglia chimare la citta' e' realmente esistita. Venne fondata 8.000 anni fa e fu sede di una importante e avanzatissima (per l'epoca...) civilta' spagnola situata in Andalusia, al punto che già conoscevano i primi rudimenti della prospettiva (bisognera aspettare Michelangelo per ottenere una prospettiva simile...Anche se, prima di lui, Piero della Francesca aveva già sviluppato alla perfezione la prospettiva centrale, e volendo già da quel poco che abbiamo di pittura romana -vedi Pompei- si può vedere una rudimentale prospettiva - Grazie a Matteo per quest'ultima segnalazione)

Curiosità: Nemo a un certo punto durante uno dei sogni di Rebecca parla in spagnolo... un caso? considerata la mania di Anno per i particolari, potrebbe anche non esserlo....

La citta per vari motivi viene realmente considerata una delle possibili ubicazioni di Atlantide.Alcuni studiosi vedono invece nella citta una colonia di Atlantide.

Il numero 95 (Settembre 2000) di Focus ha dedicato ampio spazio al mito di Atlantide. In questo dossier, una parte era dedicata alle varie teorie sull'ubicazione della civiltà scomparsa. Due di esse sono parecchio interessanti dal punto di vista della serie. Cito:

ATLANTIDE ERA TARTESSO:
...cioè uno dei luoghi più misteriosi di tutta l'antichità: si tratterebbe di una città non ancora identificata a livello archeologico, situata oltre le Colonne d'Ercole e, per la precisione, sulla costa iberica. Lo storico greco Erodoto scrisse che fu raggiunta dai greci focesi che riuscirono ad
assicurarsi l'amicizia del re Argantonio, all'epoca alla testa di un regno splendido e giusto. Secondo lo storico inglese Rhys Carpenter, Platone doveva essere stato a conoscenza dell'esistenza di quella spedizione e avrebbe potuto ispirarsi a Tartesso quando scrisse la storia di Atlantide.

Soddisfatti? Non è tutto:

Dove si troverebbe Thartesos in base alla Gainax... (www.thesecretofbluewater.com)

ATLANTIDE ERA NELL'AFRICA NERA:
L'esploratore Leo Frobenius sostenne di avere ritrovato Atlantide nella regione nigeriana del fiume Yoruba. Sia per la coincidenza degli aspetti esotici descritti da Platone (città mitica, fertile, ricca di vegetazione, palme, banane e pepe), sia per la presenza di elefanti (sempre difficile da spiegare in territori non africani)

Dove si troverebbe Thartesos in base alla Gainax... (www.thesecretofbluewater.com)

In Nadia la citta di Tartesso viene indentificata con il Noe Azzurro, caduto più o meno in un'area oggi identificabile con lo Zaire, almeno da quello che si vede durante la serie (la presenza dei leoni, della savana) e, soprattutto, una cartina che si vede nella versione originale J. Nessun collegamento quindi con la reale Tartesso, se non appunto l'origine atlantidea che si attribuisce alla citta', ma collegamento evidente con la seconda teoria riportata qui sopra.

(volete sapere di più su Thartesos: c'è questo ottimo link - Grazie a Guido perl a segnalazione)

 

La Madre di Nadia.

Mmm...Coff coff...Meglio la figlia...coff coff... ^___^

Nadia vede un'immagine della madre durante una delle sue tante crisi di coscienza, subito dopo aver gettato la Pietra Azzurra dal ponte del Nautilus durante la tempesta.L'immagine che le appare e' una fotocopia de "La signora di Elche" una statua spagnola ritrovata nei pressi di Elche risalente attorno al 500 a.C, che rappresenta una sacerdotessa. La statua vista l'epoca a cui risale e' stata chiamata "La sacerdotessa di Atlantide". Anche qui... un caso o Anno si era informato?

(grazie a Guido per una correzione)

 

La scrittura di Atlantide.

La la serie avra' notato parallelismi tra le iscrizioni atlantidee in Nadia e la scrittura Azteca. Il popolo discendente del popolo di Aztlan una ricca e potente terra dell'ovest sommersa dal mare. Inoltre c'e' il particolare del disegno sulla a collina del Noè Rosso, il sole disegnato proprio come lo disegnavano gli Aztechi (per loro, e anche per gli atlantidi secondo Platone, era una divinita') Da qui probabilmente la scelta... o magari l'ennesimo caso...

 

La Neo Atlantide.

Ecco qui di seguito qualcosa che pochi sanno ma che, purtroppo, è realmente accaduto. Da quando gli scritti di Platone vennero riscoperti nel diciassettesimo secolo (nonostante fosse una "riscoperta" relativa, visto che erano noti, con alterna fortuna, nel dibattito filosofico corrente per tutto il medioevo, per poi essere diffusi e tradotti, nel XV secolo per opera di umanisti come Marsilio Ficino - Grazie a Matteo per la segnalazione), vi fu una vera e propria psicosi per Atlantide. Un pò come le sette di oggi anche all'epoca esistevano gruppetti di esaltati, che si credevano eletti o superiori o portavoce di una verita universale, non mancavano tra questi quelli che si credevano unici superstiti di Atlantide! Un'associazione e' arrivata agli onori della cronaca, nel 1880.

La "societe' pour le nouveaux Atlantis" che tradotto significa: societa' per la nuova Atlantide, un gruppo di persone che credendosi discendenti diretti dei passati abitanti avevano come scopo la rinascita dell'antica civiltà ! Naturalmente, come tutte le sette che si rispettino, i loro capi non spiegarono mai da cosa derivasse la loro convinzione di essere atlantidei...

Fatto sta che durante una riunione di una societa' concorrente alla loro (Societe d'etudes Atlanteennes, "Societa' per gli studi atlantidi") alla Sorbonne di Parigi, membri di questa setta armati di simboli atlantidei e di lacrimogeni crearono non poco scompiglio, tanto da richiedere l'intervento dei gendarmi e guadagnare una citazione sui giornali parigini.
Tra i simboli utilizzati c'era anche l'occhio simbolo di Neo Atlantide! (prababilmente simboleggiante la conoscenza... )

Si ignora se mai Anno fosse a conoscenza di tutto questo...Forse ci sono troppe coincidenze per credere il contrario...


Geografia !
Guardando per la 325425° volta la serie, mi sono chiesto se alcuni riferimenti geografici fossero reali o inventati di sana pianta da Anno & Co. Conoscendo la sua fama, però, avevo pochi dubbi sulla veridicità delle informazioni date.

Per esempio...Vi siete mai chiesti se la fossa di Karmadec, luogo dell'epica battaglia tra la fortezza volante di Argo ed il Nautilus (poi distrutto - vedi Extra n° 9), esistesse o meno??La fossa di Karmadec

Esiste! Esiste!

E' una fossa parecchio profonda che si trova vicino la Nuova Zelanda, nell'oceano Pacifico, come potete vedere dall'immagine.

Quindi, nella serie, tutto quadra: dalla profondità, al nome, al LUOGO...Quest'ultimo punto è parecchio importante perchè:
a) e' verosimile, vista la distanza dalle rotte commerciali
b) nelle vicinanze, ci sono molteplici isolette. Visto che Nadia, Jean, Marie e King viaggiano nella capsula di salvataggio per un giorno o due, tra queste dev'esserci anche la mitica isola di Lincoln !
JJJ

Passando a qualcos'altro...Nemo dice a Jean e Nadia che nessuno ha mai messo piede al Polo Sud prima di loro (1889-90). E' esatto, nonostante già vi fosse stata una spedizione alla fine del 1700...Spedizione fallimentare perchè si fermò addirittura parecchi chilometri prima delle coste! I primi uomini ad esplorare quel luogo arrivarono agli inizi del XX secolo.

Poi...Parlando del Noè Rosso, una guardia dice ad Argo di averla trovata a queste coordinate: Latitudine 7 Nord, longitudine 62 Est, direzione Sud-Sud/Ovest. Queste, corrispondono al punto segnato sulla mappa...

Le coordinate del Noè Rosso

...qui sopra. Siamo vicini alle coste africane dove, tra l'altro, Nadia e gli altri si trovavano in quel momento. A questo proposito, notare ancora due cose:

  1. Dato che si vede il mare al momento dell'arrivo, il villaggio africano (quello con Hamahama) si trova o in Somalia, o, più probabilmente, in Tanzania o in Kenya. Il fatto che Thartesos si trovi molto più nell'entroterra è coerente al viaggio in mongolfiera del Retan prima di arrivarci
  2. Tutto quadra: visto che il Noè Rosso versione "isola" ha viaggiato per 4 mesi in direzione Ovest dal punto di partenza (i pressi dell'isola di Lincoln --> diciamo la Nuova Zelanda), è verosimile che non abbia incontrato terra ferma se non all'arrivo in Africa...Basta controllare su un comune altante per accorgersene.

L'unica pecca riguarda un'affermazione di Hanson sull'isola (Ep: "Addio a Noè Rosso") ma rimane sempre un punto interrogativo per via dello script mancante. Infatti, dai suoi calcoli, emerge che l'isola si è mossa di circa un chilometro al giorno in direzione Est-Nord/Est per circa 4 mesi. Se fosse davvero così (cosa che dubito), avrebbero percorso solo 1200 chilometri, allontanandosi dall'Africa.



Copyright© Max 2002. All rights reserved ® Grazie mille a Don Marco & XH!!

Il materiale qui riportato non è a scopo di lucro però gradirei che l'utilizzo del materiale qui presente rimanesse nell'ambito del personale (e non per la creazione di altri siti sullo stesso argomento). Abbiate almeno rispetto per tutto il tempo che ho impiegato.